EmmeBi Attached

Gli allegati di EmmeBi Blog: articoli tratti da Il Foglio, GQ, LINK Magazine, Rolling Stone, AD, Vanity Fair e Style Magazine del Corriere della Sera.

Saturday, January 23, 2010

 
Così la Diesel ha trasformato la stupidità in uno strano caso di marketing

Il Foglio - 23 gennaio 2010

Da qualche tempo i responsabili marketing delle aziende e i pubblicitari non si accontentano più di far comprare i prodotti che realizzano e comunicano, ma vogliono trasformare il proprio consumatore in una persona furba e intelligente, invitandolo ad essere unico o, peggio ancora, “sé stesso”, come nei più banali manuali motivazionali di auto-aiuto. Se questo è lo scenario, ben venga allora la nuova campagna globale di Diesel che provocatoriamente e - perché no - furbescamente inneggia alla stupidità.
BE STUPID è lo slogan che oggi campeggia sui muri e sulle affissioni delle metropoli di mezzo mondo, accompagnato da frasi in inglese che contrappongono il comportamento del furbo, intelligente, razionale e un po' noisetto (smart) a quello dell'ingenuo, passionale e imprudente (stupid). La campagna si compone di molti soggetti con frasi - rigorosamente in inglese - ad effetto, spesso accompagnate da immagini ironiche e surreali: “Quelli smart possono avere il cervello, ma gli stupidi hanno le palle”, “gli smart hanno dei piani, gli stupidi hanno delle storie”, “non è smart prendersi dei rischi, è stupido”. Tutti seguiti da “Diesel. Be Stupid”.

Per i più disattenti verso tutto quello che succede là fuori, ricordiamo che DIESEL è un'azienda di abbigliamento casual, ideata e capitanata da Renzo Rosso da Molvena (Vicenza): presente in 80 paesi con 270 negozi monomarca e 1300 milioni di euro come fatturato annuo. Renzo Rosso ammette di essere stato, in passato, più di una volta considerato come uno stupido: era da stupidi vendere dei jeans nuovi che sembravano già usati e ancora più da stupidi andarli a vendere in America. Stupidità quindi anche come innovazione e voglia di rischiare. Diesel da sempre utilizza un registro ironico nella sua comunicazione: “For successful living” è il suo claim ispirato a quel “consumare rende felici” tanto amato dai pubblicitari anni Cinquanta, e ironico verso quei marchi fashion che, attraverso i propri prodotti, promettono successo, felicità e benessere.


La campagna Be Stupid (ideata dalla lanciatissima agenzia inglese Anomaly) è molto furba ed efficace anche perché si rivolge a un target ben specifico di giovani e giovanissimi per il quale l'eroismo dell'essere "cazzone” rappresenta spesso la riaffermazione della propria identità. Basti pensare a uno show tv di successo globale come “Jackass” dove dei fuori di testa compiono bravate pericolose e ridicole.
Già la letteratura e il cinema (Forrest Gump su tutti) avevano valorizzato la stupidità, e quelli di Diesel sono molto attenti ai consumi culturali dei giovani. Una delle frasi della campagna - “Smart listens to the head, stupid listen to the heart” - è presa pari pari da Twilight, libro e film culto dei teen agers passionali ed emo.
A pensarci bene questa altro non è che la versione più sfrontata, moderna e giovanilistica del “Think Different” di Apple, marchio smart per eccellenza.
E' evidente che questa pubblicità presta il fianco alle critiche di coloro che vorrebbero contenuto ed etica nel messaggio o a chi sostiene che, in effetti, è davvero da stupidi spendere 200 euri per delle braghe sfilacciate e artificialmente sporche. Ma, in fondo, è solo pubblicità. Non pretendiamo così tanto.

In realtà questa campagna segno un cambiamento importante per l'azienda di Rosso: il passaggio da una griffe di moda a un marchio di lifestyle. Insomma, l'abbigliamento non si vende più tanto, specialmente quella caro e non percepito come di altissima qualità, così Rosso ha deciso di utilizzare il proprio team come factory creativa per fare anche altro. Il primo passo è stato quello di non sostitutire il posto vacante di direttore creativo, bensì quello di nominare Bruno Colin, editore e fondatore della rivista francese di tendenza WAD, come nuovo direttore artistico che avrà il compito di creare un team di creativi, grafici, stylist, fotografi, artisti interni ed esterni all'azienda. Rosso sostiene che oggi il mondo della moda è profondamente cambiato e “i marchi dovranno essere gestiti come dei giornali, con una forte e chiara identità, costanti input dall’esterno e collaborazioni che si adattano ai singoli progetti”.
Stupido?

Comments:
"ovviamente no" in risposta alla domanda finale.
 
200 euri?!? Ossantocielo!
 
Nice fill someone in on and this fill someone in on helped me alot in my college assignement. Thanks you on your information.
 
Guarda che non hanno inventato nulla,ricordi Celentano? sei Rock o sei lento-Tutti a scrivere di destra e sinistra e bla bla bla,nessuna novita', a me ha fatto sorridere,ma solo sorridere questa campagna stampa,i giovani sono sicura che l'hanno presa in altro modo,l'hanno fatta loro,ma sono altresi' convinta che lo fanno con un senso di appartenenza,un po' come dire "Sei Samrt allora sei sfigato" e via via di questo passo,facciamoci del male da soli-Poi aleee' tutti sui S.N. oppure sui Talk show televisivi ad infarcire una qualche trasmissione stupida che riempia i palinsesti,mai facendo autocritica-Gli inventori di questa campagna stampa,per quanto abbia avuto successo,sono vecchi ,che vorrebbero parlare ai giovani,ho i miei dubbi sul senso positivo del messaggio,ma forse io sono obsoleta!
 
what bands are good to see for emo hairstyles?
[url=http://www.emo-hairstyles.info/]emo hair[/url]
 
Leggere questo post cade fa da contorno a ciò di cui riflettevo oggi! Grazie.
Ciao,
Emanuele
 
Ciao Qui la vera campagna BE SMART against Diesel.

http://www.fourdotz.com

Qui il gruppo:
http://www.facebook.com/pages/HAPPY-FEW/336396260324?ref=ts

Grazie.
 
Post a Comment

<< Home

Archives

10/01/2004 - 11/01/2004   11/01/2004 - 12/01/2004   12/01/2004 - 01/01/2005   01/01/2005 - 02/01/2005   02/01/2005 - 03/01/2005   03/01/2005 - 04/01/2005   04/01/2005 - 05/01/2005   05/01/2005 - 06/01/2005   06/01/2005 - 07/01/2005   07/01/2005 - 08/01/2005   08/01/2005 - 09/01/2005   09/01/2005 - 10/01/2005   10/01/2005 - 11/01/2005   11/01/2005 - 12/01/2005   12/01/2005 - 01/01/2006   01/01/2006 - 02/01/2006   02/01/2006 - 03/01/2006   03/01/2006 - 04/01/2006   04/01/2006 - 05/01/2006   05/01/2006 - 06/01/2006   06/01/2006 - 07/01/2006   07/01/2006 - 08/01/2006   09/01/2006 - 10/01/2006   10/01/2006 - 11/01/2006   11/01/2006 - 12/01/2006   12/01/2006 - 01/01/2007   01/01/2007 - 02/01/2007   02/01/2007 - 03/01/2007   03/01/2007 - 04/01/2007   04/01/2007 - 05/01/2007   05/01/2007 - 06/01/2007   06/01/2007 - 07/01/2007   07/01/2007 - 08/01/2007   08/01/2007 - 09/01/2007   09/01/2007 - 10/01/2007   10/01/2007 - 11/01/2007   11/01/2007 - 12/01/2007   02/01/2008 - 03/01/2008   04/01/2008 - 05/01/2008   08/01/2008 - 09/01/2008   07/01/2009 - 08/01/2009   11/01/2009 - 12/01/2009   12/01/2009 - 01/01/2010   01/01/2010 - 02/01/2010   02/01/2010 - 03/01/2010   03/01/2010 - 04/01/2010   05/01/2010 - 06/01/2010   06/01/2010 - 07/01/2010   08/01/2010 - 09/01/2010   11/01/2010 - 12/01/2010   12/01/2010 - 01/01/2011   01/01/2011 - 02/01/2011   02/01/2011 - 03/01/2011   03/01/2011 - 04/01/2011   04/01/2011 - 05/01/2011   05/01/2011 - 06/01/2011   06/01/2011 - 07/01/2011   07/01/2011 - 08/01/2011   08/01/2011 - 09/01/2011   09/01/2011 - 10/01/2011   10/01/2011 - 11/01/2011   11/01/2011 - 12/01/2011   12/01/2011 - 01/01/2012   01/01/2012 - 02/01/2012   02/01/2012 - 03/01/2012   05/01/2012 - 06/01/2012   06/01/2012 - 07/01/2012   07/01/2012 - 08/01/2012   08/01/2012 - 09/01/2012   04/01/2013 - 05/01/2013   06/01/2013 - 07/01/2013   07/01/2013 - 08/01/2013   08/01/2013 - 09/01/2013   08/01/2014 - 09/01/2014   01/01/2017 - 02/01/2017  

This page is powered by Blogger. Isn't yours?