EmmeBi Attached

Gli allegati di EmmeBi Blog: articoli tratti da Il Foglio, GQ, LINK Magazine, Rolling Stone, AD, Vanity Fair e Style Magazine del Corriere della Sera.

Wednesday, March 14, 2007

 
IL MIO NOME E' ROSSO

Il perchè del flop di "RED", la campagna di marketing umanitario per le cure anti Aids.


Il Foglio - Mercoledì 14 marzo 2007

L’idea pareva innovativa, la causa nobile e la task force di aziende e celebrities messa in campo di primissima scelta. L’iniziativa era stata presa lo scorso anno da Bono Vox - un tempo conosciuto come carismatico cantante degli U2, ora noto per essere (o credersi) salvatore dell’umanità e professionista delle cause solidali - che, dopo aver occupato le poltrone della Banca Mondiale, del WTO e del G8 per convincere le nazioni più potenti del mondo a cancellare il debito verso i paesi poveri, aveva deciso di unire, per la prima volta, il “consumo cool” alla beneficenza.
Così nel gennaio scorso era nata (RED), un’iniziativa globale di charity ma, soprattutto, un nuovo modello di business, che coinvolgeva alcune tra le più importanti aziende “iconiche” di questi anni (Apple, Motorola, Gap, Giorgio Armani, American Express, Converse): queste aziende si impegnavano a produrre edizioni speciali colorate di rosso dei loro prodotti di punta – iPod per Apple, t-shirt Gap, il cellulare Motorazr – e a donare una parte di proventi ad un fondo per combattere la lotta contro l’aids in Africa (per ogni iPod nano (RED) venduto a 199$, 10$ andavano a finanziare il progetto).
“Come consumatori privilegiati tutti noi abbia un enorme potere: con le nostre scelte collettive di consumo possiamo cambiare il corso della vita e della storia” recita il “manifesto” dell’iniziativa, e che prosegue. “Adesso abbiamo la possibilità di farlo. Noi crediamo che quando ai consumatori sarà offerta questa opportunità, se i prodotti soddisferanno i loro bisogni, allora sceglieranno i prodotti (RED)”.
La campagna quest’anno ha avuto una visibilità globale senza precedenti, anche perché, oltre alle aziende, sono state coinvolte decine di celebrità dell’entertainment: Oprah Winfrey ha offerto se stessa e il proprio programma come cassa di risonanza per promuovere l’iniziativa, l’attore Chris Rock in ogni apparizione mostrava il suo cellulare rosso e poi le foto di Ann Leibovitz che ritraevano Spielberg, Penelope Cruz e Jennifer Garner con le magliette rosse su tutti i principali magazine hanno fatto il resto (anche un noto femminile italiano regalava in allegato la borsa (RED) alle proprie lettrici).
Insomma, prodotti e testimonial desiderati, grandi visibilità, causa nobile e il culmine della campagna nel periodo natalizio, tutti prerequisiti per un successo annunciato. E invece.
Il settimanale americano Advertising Age ha fatto i conti della serva e ha dichiarato che a fronte di una spesa di cento milioni di dollari (cifra un po’ sovrastimata che include anche gli spazi offerti gratuitamente dal programma di Oprah), l’iniziativa (RED) ha ricavato solo 18 milioni di dollari. Bottino magro, magrissimo, nonostante lo spiegamento di forze. La sproporzione tra spese ed entrate in realtà, non rappresenta una minaccia tanto per l’iniziativa umanitaria che, in fondo, ha una finalità più ampia, quella cioè di cambiare il modello di business legato al marketing umanitario, traendo profitto dalla beneficenza, quanto per le aziende coinvolte.

L’articolo di AdAge, assai caustico e critico nei confronti dell’operazione, fa anche riferimento alle iniziative “contro” che (RED) ha scatenato in rete, come ad esempio quella del sito www.buylesscrap.org (compra meno merda) e che raccoglie una serie di iniziative di charity che non coinvolgono l’acquisto e il consumo. “Lo shopping non è la soluzione. Compra di meno. Dona di più.” è lo slogan che guida la loro campagna.

I responsabili delle aziende coinvolte, interpellate dal giornale, rispondono di non essere preoccupati perché (RED) non è la classica opera di beneficenza con un fine quantitativo ben definito da raggiungere: l’operazione ha, al contrario, un obiettivo a lungo termine di sostenibilità, termine che vuol dire tutto e nulla, ma che, in questo caso, significa introdurre nella testa delle persone una forma di coscienza e di consumo solidale “cool”, lontana dai vecchi stereotipi.
La causa dell’insuccesso a breve scadenza dell’operazione è forse da imputare alle persone che, bombardate continuamente da operazioni solidarietà e Telethon vari – rivelatesi spesso grandi truffe – sono sempre più scettiche e non riescono più a discernere.
L’impressione che si ricava è che, sempre più spesso, alcune aziende si approfittino di queste situazioni solo per proprie operazioni di “maquillage” e di immagine, magari nei momenti di crisi. Gap, i magazzini di abbigliamento casual, da alcuni anni stanno soffrendo la concorrenza e, non a caso, sono stati quelli che hanno investito di più nella campagna (RED) (circa 10 milioni). Più che di etica aziendale vale la pena parlare di rappresentazione dell’etica, che finisce per diventare un “prodotto” da comunicare, e che ha bisogno di un packaging per essere pronta all’uso. Sostanzialmente, un’etica da scaffale.

Comments:
Your blog keeps getting better and better! Your older articles are not as good as newer ones you have a lot more creativity and originality now keep it up!
 
[B]NZBsRus.com[/B]
Escape Idle Downloads With NZB Downloads You Can Quickly Find HD Movies, Games, MP3s, Applications & Download Them @ Blazing Rates

[URL=http://www.nzbsrus.com][B]NZB Search[/B][/URL]
 
You could easily be making money online in the undercover world of [URL=http://www.www.blackhatmoneymaker.com]blackhat seo techniques[/URL], You are far from alone if you have no clue about blackhat marketing. Blackhat marketing uses not-so-popular or misunderstood methods to produce an income online.
 
Post a Comment

<< Home

Archives

10/01/2004 - 11/01/2004   11/01/2004 - 12/01/2004   12/01/2004 - 01/01/2005   01/01/2005 - 02/01/2005   02/01/2005 - 03/01/2005   03/01/2005 - 04/01/2005   04/01/2005 - 05/01/2005   05/01/2005 - 06/01/2005   06/01/2005 - 07/01/2005   07/01/2005 - 08/01/2005   08/01/2005 - 09/01/2005   09/01/2005 - 10/01/2005   10/01/2005 - 11/01/2005   11/01/2005 - 12/01/2005   12/01/2005 - 01/01/2006   01/01/2006 - 02/01/2006   02/01/2006 - 03/01/2006   03/01/2006 - 04/01/2006   04/01/2006 - 05/01/2006   05/01/2006 - 06/01/2006   06/01/2006 - 07/01/2006   07/01/2006 - 08/01/2006   09/01/2006 - 10/01/2006   10/01/2006 - 11/01/2006   11/01/2006 - 12/01/2006   12/01/2006 - 01/01/2007   01/01/2007 - 02/01/2007   02/01/2007 - 03/01/2007   03/01/2007 - 04/01/2007   04/01/2007 - 05/01/2007   05/01/2007 - 06/01/2007   06/01/2007 - 07/01/2007   07/01/2007 - 08/01/2007   08/01/2007 - 09/01/2007   09/01/2007 - 10/01/2007   10/01/2007 - 11/01/2007   11/01/2007 - 12/01/2007   02/01/2008 - 03/01/2008   04/01/2008 - 05/01/2008   08/01/2008 - 09/01/2008   07/01/2009 - 08/01/2009   11/01/2009 - 12/01/2009   12/01/2009 - 01/01/2010   01/01/2010 - 02/01/2010   02/01/2010 - 03/01/2010   03/01/2010 - 04/01/2010   05/01/2010 - 06/01/2010   06/01/2010 - 07/01/2010   08/01/2010 - 09/01/2010   11/01/2010 - 12/01/2010   12/01/2010 - 01/01/2011   01/01/2011 - 02/01/2011   02/01/2011 - 03/01/2011   03/01/2011 - 04/01/2011   04/01/2011 - 05/01/2011   05/01/2011 - 06/01/2011   06/01/2011 - 07/01/2011   07/01/2011 - 08/01/2011   08/01/2011 - 09/01/2011   09/01/2011 - 10/01/2011   10/01/2011 - 11/01/2011   11/01/2011 - 12/01/2011   12/01/2011 - 01/01/2012   01/01/2012 - 02/01/2012   02/01/2012 - 03/01/2012   05/01/2012 - 06/01/2012   06/01/2012 - 07/01/2012   07/01/2012 - 08/01/2012   08/01/2012 - 09/01/2012   04/01/2013 - 05/01/2013   06/01/2013 - 07/01/2013   07/01/2013 - 08/01/2013   08/01/2013 - 09/01/2013   08/01/2014 - 09/01/2014   01/01/2017 - 02/01/2017  

This page is powered by Blogger. Isn't yours?