EmmeBi Attached

Gli allegati di EmmeBi Blog: articoli tratti da Il Foglio, GQ, LINK Magazine, Rolling Stone, AD, Vanity Fair e Style Magazine del Corriere della Sera.

Saturday, January 21, 2006

 
Il proporzionale cambia la pubblicità politica

Il Cav. fa da sé, Mastella fa rima con Nutella, Fini e Casini s'attardano

Il Foglio - 21 Gennaio 2006

“When the going gets tough, the tough get going” dicono gli americani, ed è in queste settimane che precedono l’apertura della campagna elettorale politica italiana che i duri cominciano a giocare. In assenza di vincoli di legge e di limiti dettati dalla par condicio si riesce a capire meglio quelle che saranno le tattiche, gli approcci, e le strategie di comunicazione delle coalizioni, o meglio, dei partiti.
Con la nuova legge elettorale proporzionale non si voterà più la coalizione, né esprimeremo alcuna preferenza per il candidato ma, semplicemente, apporremo una croce sul simbolo del partito. Cose risapute, ormai. Ma neanche poi così scontate se il Presidente della Camera, nonché leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, si stupisce ancora, indispettendosi, di fronte alla condotta a tutto campo di Berlusconi che “è andato avanti come se gli alleati non ci fossero”. E’ semplicemente l’effetto della proporzionale, dove la tattica “tutti contro tutti” ha la meglio sui giochi di coalizione.
Il marketing politico sta subendo una rivoluzione in progress rispetto a ciò a cui siamo stati abituati in questi ultimi dodici anni, laddove era la personalizzazione di campagne elettorali verso i leader delle coalizioni a risultare prioritari. Questa volta le campagne elettorali privilegeranno il partito, quindi il simbolo, avranno una copertura nazionale e non locale e, soprattutto, assumeranno l’aspetto di una vera e propria comunicazione pubblicitaria: il partito da votare altro non è che un brand da vendere che racchiude in sé valori e princìpi, che vengono sintetizzati da slogan (claim) efficaci e di forte impatto.
A vedere i primi simboli che i partiti stanno presentando in questi giorni, si nota però l’adozione di una tattica che guarda ancora al passato: il simbolo elettorale di An, quello dell’Udc e dell’Udeur riportano, insieme al logo del partito, anche il nome del proprio leader, soluzione che adottarono i Radicali con la Lista Pannella nei primi anni Novanta.
Da un punto di vista marketing il fenomeno è piuttosto interessante perché, facendo un parallelo con i marchi commerciali, è come se all’interno del brand ci fosse anche la firma del testimonial, come successe negli anni Settanta nell’abbigliamento sportivo con marchi come i completi per il tennis Fila - Bjorn Borg o le scarpe Adidas - Stan Smith. L’accostamento tra brand e simboli di partito non deve sembrare azzardato se lo stesso Clemente Mastella durante la presentazione del simbolo dell’Udeur ha dichiarato di aver inserito il proprio nome “perché fa rima con Nutella, una cosa usuale per gli italiani”. Fini e Casini dovranno quindi trovare altri appetitosi prodotti di largo consumo da spartirsi (grissini?, Pavesini?, Sofficini?).
Se nelle scorse elezioni i capi delle coalizioni chiamarono dagli Stati Uniti dei consulenti specializzati nelle campagne dei candidati americani per capire le strategie di comunicazione sui leader, questa volta i partiti potranno trovare delle valide indicazioni su come “vendere” il proprio simbolo direttamente dalle agenzie pubblicitarie che in genere operano sui prodotti di largo consumo. L’obiettivo, in questo caso, sta nel fidelizzare l’elettore: in questi dodici anni di maggioritario il senso di appartenenza ai partiti, tranne rare eccezioni - come ad esempio nella Lega o in Rifondazione Comunista – si è molto indebolito tra l’elettorato, saranno perciò necessarie delle campagne di impatto e fortemente persuasive.

Il successo della comunicazione di un partito si giocherà in buona parte sugli spot, sui messaggi, sui linguaggi usati e sulle metafore che meglio sapranno descrivere la realtà ma, ovviamente, tutto ciò non basta. Come sta accadendo per molti prodotti, i casi di successo sono quelli che hanno avuto campagne pubblicitarie così originali e d’impatto da aver scatenato un meccanismo virtuoso di passaparola all’interno di alcune categorie di consumatori. Anche nel caso delle campagne elettorali lo scambio di opinioni tra le persone e la formazione di reti fisiche o virtuali (attraverso ad esempio i blog o la creazione di mailing list ad argomento politico) possono essere dei validi strumenti per amplificare l'invito all'acquisto del prodotto "lista elettorale".

Comments:
Per Fini ci son già i tortellini :)
 
Here it is... FREE advertising, FREE download. No cost to you! Get your FREE download NOW! Make money and get FREE advertising! This is a great program for you to take advantage of... Check this out now for FREE!

To find out more visit: internet marketing opportunity site. It successfully exposes FREE information covering traffic and internet marketing opportunity related stuff. Don't forget, FREE, FREE, FREE!!!
 
Hey men, check out this sweet site I found, I wasn't sure if it was real at first, but it is! I tried it out and these alternative to penis surgery awesome!!!
Check out the special discounts they have too, I got a real good deal.

Later!

More info on the site: [url=http://www.bestpenisextender.com/how-it-works.php]alternative to penis surgery[/url]

P.S. Sorry for posting in "this" category. Please move my topic to an appropriate forum.
 
Advanced Gain Pro is the real deal- real ingredients, real guarantee, real results! AGP pills have been proven to work, and use only the highest quality ingredients available anywhere.

Visit site for more info: [url=http://www.advancedgainpropenispills.com/]herbal penis product[/url]
 
Full free Porn clips from Scandinavia.
Porno Tube - continually updated XXX romantic erotic videos.


[url=http://www.masturbation.fm] [img]http://www.sipvip.org/images/antonio/erotiikka.jpeg[/img] [/url]


-----------------------------
[url=http://www.sihteeriopisto.mobi]porno video [/url]
 
Post a Comment

<< Home

Archives

10/01/2004 - 11/01/2004   11/01/2004 - 12/01/2004   12/01/2004 - 01/01/2005   01/01/2005 - 02/01/2005   02/01/2005 - 03/01/2005   03/01/2005 - 04/01/2005   04/01/2005 - 05/01/2005   05/01/2005 - 06/01/2005   06/01/2005 - 07/01/2005   07/01/2005 - 08/01/2005   08/01/2005 - 09/01/2005   09/01/2005 - 10/01/2005   10/01/2005 - 11/01/2005   11/01/2005 - 12/01/2005   12/01/2005 - 01/01/2006   01/01/2006 - 02/01/2006   02/01/2006 - 03/01/2006   03/01/2006 - 04/01/2006   04/01/2006 - 05/01/2006   05/01/2006 - 06/01/2006   06/01/2006 - 07/01/2006   07/01/2006 - 08/01/2006   09/01/2006 - 10/01/2006   10/01/2006 - 11/01/2006   11/01/2006 - 12/01/2006   12/01/2006 - 01/01/2007   01/01/2007 - 02/01/2007   02/01/2007 - 03/01/2007   03/01/2007 - 04/01/2007   04/01/2007 - 05/01/2007   05/01/2007 - 06/01/2007   06/01/2007 - 07/01/2007   07/01/2007 - 08/01/2007   08/01/2007 - 09/01/2007   09/01/2007 - 10/01/2007   10/01/2007 - 11/01/2007   11/01/2007 - 12/01/2007   02/01/2008 - 03/01/2008   04/01/2008 - 05/01/2008   08/01/2008 - 09/01/2008   07/01/2009 - 08/01/2009   11/01/2009 - 12/01/2009   12/01/2009 - 01/01/2010   01/01/2010 - 02/01/2010   02/01/2010 - 03/01/2010   03/01/2010 - 04/01/2010   05/01/2010 - 06/01/2010   06/01/2010 - 07/01/2010   08/01/2010 - 09/01/2010   11/01/2010 - 12/01/2010   12/01/2010 - 01/01/2011   01/01/2011 - 02/01/2011   02/01/2011 - 03/01/2011   03/01/2011 - 04/01/2011   04/01/2011 - 05/01/2011   05/01/2011 - 06/01/2011   06/01/2011 - 07/01/2011   07/01/2011 - 08/01/2011   08/01/2011 - 09/01/2011   09/01/2011 - 10/01/2011   10/01/2011 - 11/01/2011   11/01/2011 - 12/01/2011   12/01/2011 - 01/01/2012   01/01/2012 - 02/01/2012   02/01/2012 - 03/01/2012   05/01/2012 - 06/01/2012   06/01/2012 - 07/01/2012   07/01/2012 - 08/01/2012   08/01/2012 - 09/01/2012   04/01/2013 - 05/01/2013   06/01/2013 - 07/01/2013   07/01/2013 - 08/01/2013   08/01/2013 - 09/01/2013   08/01/2014 - 09/01/2014   01/01/2017 - 02/01/2017  

This page is powered by Blogger. Isn't yours?